Proteste a Napoli, dove alcuni attivisti dei centri sociali hanno organizzato una contestazione davanti ai gazebo informativi del Movimento 5 stelle e a quelli della Lega, allestiti per permettere ai supporter di votare il contratto di governo. “Per una poltrona avete dimenticato la terra dei fuochi”. Insurgencia, il centro sociale che da sempre contesta la Lega e Matteo Salvini questa volta ne ha anche per i grillini. “Onorevole tu la vieni a fare la campagna elettorale sul biocidio, te la sei dimenticata la tua terra”urlano gli attivisti. La contestazione è stata preceduta dal lancio di carta igienica con le facce di Salvini e di Di Maio da parte del centro sociale. “Siamo in democrazia, ribatte la consigliera campana grillina Maria Muscarà, tutti sono liberi di contestare ma si ricordino che questa non è un’alleanza”. I gazebo di Movimento 5 Stelle e Lega sono a pochissimi metri di distanza. Attivisti e parlamentari distribuiscono volantini e spiegano punto per punto il contratto di governo. Molti di loro non sono felici di questa “alleanza” e si dicono preoccupati. “Salvini non è mai stato dolce con il sud”, commenta un attivista pentastellato. Dal canto loro, i salviniani dicono di fidarsi del loro “Capitano” e di apprezzare il “sacrificio” di Matteo Salvini. “Nessuno di noi vuole fare un matrimonio”, commenta ancora Muscarà, “pensate che abbiamo dimenticato tutto quello che è successo?”

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Pd, la delegata sbotta sul palco: “Parlate di ‘periferia’, ma chi vi ha mai visto? Me ne vado, al congresso non mi chiamate”

next
Articolo Successivo

Lega-M5s, nei gazebo a Milano: “L’alleato non è granché, ma insieme 5 anni”. Ed entrambe le parti chiedono il premier

next