Proteste a Napoli, dove alcuni attivisti dei centri sociali hanno organizzato una contestazione davanti ai gazebo informativi del Movimento 5 stelle e a quelli della Lega, allestiti per permettere ai supporter di votare il contratto di governo. “Per una poltrona avete dimenticato la terra dei fuochi”. Insurgencia, il centro sociale che da sempre contesta la Lega e Matteo Salvini questa volta ne ha anche per i grillini. “Onorevole tu la vieni a fare la campagna elettorale sul biocidio, te la sei dimenticata la tua terra”urlano gli attivisti. La contestazione è stata preceduta dal lancio di carta igienica con le facce di Salvini e di Di Maio da parte del centro sociale. “Siamo in democrazia, ribatte la consigliera campana grillina Maria Muscarà, tutti sono liberi di contestare ma si ricordino che questa non è un’alleanza”. I gazebo di Movimento 5 Stelle e Lega sono a pochissimi metri di distanza. Attivisti e parlamentari distribuiscono volantini e spiegano punto per punto il contratto di governo. Molti di loro non sono felici di questa “alleanza” e si dicono preoccupati. “Salvini non è mai stato dolce con il sud”, commenta un attivista pentastellato. Dal canto loro, i salviniani dicono di fidarsi del loro “Capitano” e di apprezzare il “sacrificio” di Matteo Salvini. “Nessuno di noi vuole fare un matrimonio”, commenta ancora Muscarà, “pensate che abbiamo dimenticato tutto quello che è successo?”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Pd, la delegata sbotta sul palco: “Parlate di ‘periferia’, ma chi vi ha mai visto? Me ne vado, al congresso non mi chiamate”

prev
Articolo Successivo

Lega-M5s, nei gazebo a Milano: “L’alleato non è granché, ma insieme 5 anni”. Ed entrambe le parti chiedono il premier

next