“I giovani affetti da Hiv non si curano più”. A ‘La Confessione’, venerdì 20 aprile alle 23 su Nove, Platinette svela le trasgressioni di una vita borderline, tra droga, prostituzione e televisione. Il giornalista Peter Gomez le chiede dei festini a base di stupefacenti chimici: “Ora nella comunità gay, va molto il chem sex, ragazzi che assumono droghe, alcol, e fanno sesso di gruppo per due o tre giorni senza protezioni. Cosa ha capito di tutto questo?”. Platinette risponde: “Ho capito parecchio perché un mio amico, molto stretto, gestisce un locale di questo genere, nel quale ho una piccola partecipazione – ammette la popolare conduttrice radiofonica di Rtl 102,5 -. C’è una tendenza orrenda a non curarsi più, tra i ragazzi di 20 anni. Hanno intuito malamente che – continua – pur essendo affetti da Hiv, gli antiretrovirali sono farmaci che funzionano per allungare la vita, e sfidano loro stessi“. “Lei avrebbe mai pensato che un toner da stampante venga usato come droga?”. “No”, risponde Gomez. “Ebbene – prosegue Platinette – oggi è la droga più usata abbinata all’alcol e può provocare danni molto seri. Fanno così per finire in coma un’ora dopo all’ospedale. Cioè – conclude -, noi siamo più forti della malattia, ricominciamo la bella vita di un tempo”.

Dopo i buoni risultati d’ascolto, la seconda stagione del programma torna sul canale Nove il venerdì, alle 23, subito dopo Fratelli di Crozza, lo show satirico di Maurizio Crozza. Tutte le puntate della prima stagione (Emilio Fede, Alex Schwazer, Lele Mora, Vittoria Schisano, Vittorio Sgarbi, Alba Parietti, Antonio Di Pietro, Erri De LucaMalena, Giacobbe Fragomeni, Vanna Marchi, Vittorio Cecchi Gori) e le prime sette della seconda stagione (Marco BaldiniAnna Mazzamauro, Eleonora Giorgi, Rocco Siffredi,
Matteo Cambi, Serena GrandiFausto Bertinotti) sono disponibili in abbonamento sul sito e sulla applicazione di Loft.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Don Gallo, appello a Papa Francesco per la beatificazione. Il docufilm sul prete di strada in esclusiva su Loft

prev
Articolo Successivo

La Confessione, Platinette: “Corona è diabolico e dominava su Mora. Sono stata l’unica a difendere Lele”

next