È morto Ronald Lee Ermey, il sergente maggiore Hartman in Full Metal Jacket. Aveva 74 anni. L’attore, che per il ruolo del brutale militare nel capolavoro di Stanley Kubrick aveva ricevuto anche una nomination al Golden Globe come miglior attore non protagonista, si è spento a causa di alcune complicazioni dovute a una polmonite.

A renderlo noto è stato il suo manager Bill Rogin con un tweet: “È con enorme dispiacere che mi duole informarvi che R. Lee Ermey (‘The Gunny’) è morto questa mattina. Mancherà moltissimo a tutti noi”. Ermey, prima di essere attore, prestò davvero servizio nella Marina militare americana dal 1961 al 1971, quando fu congedato per motivi medici. Nato a Emporia, in Kansas, nel 1944, Ermey ottenne il suo primo ruolo da attore mentre studiava recitazione all’università di Manila, nelle Filippine.

Oltre che per gli insulti e i comandi senz’appello impartiti nel discorso iniziale del film del 1987, Ermey aveva vestito i panni anche di altre figure autoritarie in una sessantina di pellicole. È stato il sindaco Tilman nel film Mississippi Burning-Le Radici dell’Odio del 1988 e il capitano di polizia in Seven del 1995.

Ha interpretato anche il capo ufficio Frank Martin in Willard il paranoico del 2003, il sadico sceriffo Hoyt nel remake di Non aprite quella porta diretto da Marcus Nispel e ha prestato la sua voce al Sergente, il comandante dei soldatini verdi di plastica nella saga di Toy Story.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Carlo Verdone e la turbolenza in aereo. Gira video e commenta il messaggio del pilota: “La chiama leggera!”

next
Articolo Successivo

La casa di carta è la serie non in lingua inglese più vista della storia su Netflix, che annuncia: “La parte 3 si farà”. Andrà in onda nel 2019

next