“Non rilascio dichiarazioni, non rilascio dichiarazioni, non rilascio dichiarazioni”. Luigi Di Maio è di poche parole all’uscita dalla Camera dei Deputati, dopo l’elezione di Roberto Fico (video: il discorso) a Montecitorio e della berlusconiana Maria Elisabetta Alberti Casellati (video: il discorso) alla presidenza del Senato. “Abbiamo rispettato il voto popolare”, dice Danilo Toninelli. E aggiunge: “Salvini ha fatto un nome di Forza Italia che non era Romani. Per noi votare Casellati significava votare Fico”. “Oggi è una tappa importante nel processo di rinnovamento”, dice Vito Crimi. “Casellati è comunque una persona delle istituzioni”, dice il senatore grillino Sergio Puglia. Berlusconiana della prima ora e pasionaria del lodo Alfano, “ma è una questione diversa”, prosegue Puglia. Per incontrare qualche imbarazzo bisogna attendere il neosenatore Daniele Pesco: “Ammetto, un po’. Ma è politica”. Ma si torna subito alle rassicurazioni: “Siamo sempre gli stessi”, dice Andrea Cioffi, che aggiunge un altro distinguo: “Berlusconi è fuori dal Parlamento e la Camera ha alla presidenza Roberto Fico. Ma non è un patto con il diavolo”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Travaglio e le “puttanate” della Casellati sui processi di Berlusconi, appena condannato. Lo scontro a Otto e Mezzo

prev
Articolo Successivo

Governo, le prossime tappe: gruppi parlamentari, capigruppo e uffici di presidenza. Dopo Pasqua le consultazioni

next