Pelliccia? Ne sono fuori“. Parola di Donatella Versace che al megazine online dell’Economist, 1843, ha detto di non voler più produrre capi in pelliccia. “Non voglio uccidere animali per fare moda“, ha detto ancora Donatella, da anni alla guida della maison. Puntuale il commento del direttore dei programmi internazionali PETA, Mimi Bekhechi: “PETA Stati Uniti ha organizzato interruzioni di sfilata, proteste e una campagna blitz del 2006 in un’epoca quando il nome di Versace era sinonimo di pelliccia, perciò questa notizia è molto ben accolta. La realizzazione di Donatella che è sbagliato prendere a bastonate gli animali e ucciderli con scariche elettriche per la pelliccia è un punto critico per la campagna a favore della moda senza crudeltà, e la PETA non vede l’ora di vedere prossimamente un divieto dell’uso delle pelli da parte di Versace”.

E Versace non è l’unico brand della moda a essersi schierato contro l’uso di pellicce: Gucci Tom Ford, Ralph Lauren, Tommy Hilfiger, Michael Kors, Calvin Klein, Armani, Stella McCartney, Hugo Boss e Donna Karan sono altri brand che hanno detto basta, a meno che non si tratti di materiale sintetico.

 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Hubert James Taffin de Givenchy, morto il famoso stilista: vestì Audrey Hepburn e Grace Kelly

next
Articolo Successivo

Londra, arriva ‘Olivo’: 6 locali che celebrano la cucina italiana made in Sardegna

next