Una fan della mia pagina Facebook tempo fa mi ha chiesto cosa intendo quando parlo di diventare diversamente normodotato: io le ho risposto che è un gioco di parole per sottolineare che troppo spesso l’esemplare di disabile – in particolare il francesino – si sente tale e vive psicologicamente imprigionato nella propria condizione, quando dovrebbe “liberarsene” e rimanere inabile solo esteriormente. Da qui diversamente normodotato: disabile fuori, normodotato dentro.

Scritto così sembra facile e alla portata di tutti, ma è tra le cose più complicate e difficili a cui un francesino possa aspirare: perché tra il dire fare c’è sempre di mezzo il mare, in questo caso l’oceano. È complicato poiché questo implica di vivere secondo le modalità dei normodotati, difficilmente conciliabili con quelli del francesino: tempi, ritmi, possibilità sono completamente differenti, ci si sente come l’Olanda dinnanzi agli Stati Uniti. Tuttavia come l’Olanda si può essere virtuosi.

Ma come? Innanzitutto diviene imprescindibile fare affidamento su se stessi, a conoscersi il più possibile e a conoscere/studiare il proprio handicap. E ad accettarlo, perché è l’unica cosa che possiamo fare: la mia disabilità c’è, esiste, mi limita, mi fa arrabbiare, ma da lei non posso certo liberarmi. Però la mia mente lo deve fare, deve andare oltre: questo richiede lo sfruttamento di tutte le risorse mentali disponibili, per modellare le proprie virtù in base alle proprie necessità. Perché per compensare le limitazioni fisiche e le conseguenti difficoltà, solo all’intelligenza si può fare appello…

Infine per puntare all’obiettivo diventano determinanti le esperienze di vita – che danno una spinta a quest’ultima – e l’integrazione – la sua linfa vitale. Per il resto si dice che la fortuna aiuta gli audaci, per cui cerco di essere… fortunato: audace no, troppa fatica… so’ disabile io! #ChiNonSaltaDisabileÈ

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Lush, le saponette inglesi saranno pure equo-solidali ma c’è un limite al mio senso etico

prev
Articolo Successivo

Novara, la ‘clinica dei pensionati’ è l’Italia a cui voglio dire grazie

next