Get Shorty, la dark-comedy basata sull’omonimo bestseller di Elmore Leonard, diretta da Davey Holmes (Shameless, In Treatment, Damages) con Chris O’Dowd (Le amiche della sposa, Miss Peregrine – la casa dei ragazzi speciali), Ray Romano (Ted, The big sick) e Sean Bridgers (I magnifici 7, Dark places) protagonisti, sbarca su TimVision in prima visione assoluta per l’Italia con 10 episodi da giovedì 22 febbraio.

Miles Daly (Chris O’Dowd) è un sicario  che sceglie di lasciarsi il mondo criminale alle spalle e di cambiare vita per il bene di sua figlia,  trasferendosi a Los Angeles. Qui l’uomo prova ad introdursi nel mondo cinematografico entrando in affari con Rick Moreweather (Ray Romano), un produttore caduto in rovina, e riciclando denaro dalla produzione dei film hollywoodiani insieme al suo complice Louis (Sean Bridges).

Ma il passato da criminale e i suoi lati oscuri tornano a far visita nella vita di Miles quando la scelta della potenziale vittima ricade su uno sceneggiatore di Hollywood.

Get Shorty, già fonte di ispirazione per l’adattamento cinematografico del ‘95 diretto da Barry Sonnenfeld con John Travolta, ha riscosso successo di pubblico – tanto da guadagnarsi già il rinnovo per una seconda stagione – ed è stata acclamata all’unanimità dalla critica: per l’Hollywood Reporter è “una serie meravigliosa dalla qualità impeccabile, un adattamento affascinante e avvincente del romanzo”, mentre per Entertainment Weekly è “uno dei pochi remake di film che non delude in alcun modo le aspettative dei fan”.

Fanno parte del cast anche Dean Norris (noto al pubblico mondiale per il ruolo di “Hank” nella serie tv Breaking Bad), Alan Wolf Arkin (premio Oscar come attore non protagonista per Little Miss Sunshine), Lidia Porto (Horrible Bosses 2), Megan Stevenson (Holly’s Holiday) e Goya Robles (11:55).

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Montalbano imbattibile: 42% di share. Successo annunciato (e come ogni anno l’Isola dei Famosi ‘non ci prova nemmeno’)

prev
Articolo Successivo

Elezioni, Gnocchi a DiMartedì: “Berlusconi non ha ancora indicato candidato premier, non riescono a trovarne uno incensurato”

next