Dopo aver rivelato le sembianze della nuova X3 la scorsa estate, BMW presenta la X4 di seconda generazione, pronta al debutto mondiale al Salone di Ginevra (8-18 marzo). I due modelli condividono praticamente tutto a livello meccanico e tecnologico, ma si rivolgono a clientele diverse: quella della X4 è più sportiva e giovanile ed ama il profilo da coupé, anche a scapito della spaziosità interna e della capacità di carico.

Ad ogni modo il tema crossover piace (e tanto) al mercato ed ogni sua declinazione è più che benvenuta: questo spiega perché la marca tedesca abbia da poco lanciato sul mercato l’inedita X2 e presenterà nei prossimi mesi la lussuosa e mastodontica X7.

Esteticamente, oltre alla forma del padiglione, la X4 si distingue per una fanaleria posteriore sottile e orizzontale, con la targa spostata sul fascione paraurti. Nel passaggio generazionale la vettura è cresciuta in lunghezza di 8 cm, per 475 totali, con un bagagliaio da 525 a 1.430 litri di capacità.

La nuova piattaforma costruttiva ha permesso di limare la massa complessiva di circa 50 kg, a tutto vantaggio della guidabilità. A contenere i consumi ci pensa un’aerodinamica particolarmente curata (il Cx è pari a 0,30). Rispetto al modello di derivazione la X4 vanta un assetto più sportivo con sospensioni attive a richiesta.

L’interno invece è praticamente identico a quello della X3, da cui la X4 riprende la strumentazione tachimetrica digitale e l’ampio schermo dell’infotainment da 10,25 pollici: il tutto è condito da tecnologie come i comandi gestuali o vocali nonché dai servizi internet su traffico, meteo e punti di interesse.

A richiesta il pacchetto di sicurezza Driving Assistant Plus con cruise control adattivo, sistema di mantenimento automatico della corsia di marcia, avvertimento di precedenza, di strada a senso unico e allarme di traffico laterale. In opzione pure il dispositivo di parcheggio semi-automatico.

Tutte le motorizzazioni disponibili al lancio sono abbinate alla trazione integrale e al cambio automatico a otto marce. Si parte dai 4 cilindri 2 litri turbobenzina da 184 e 252 Cv per arrivare al più prestazionale 6 cilindri 3 litri turbo da 360 cavalli.

Più “risparmiosi” i 2 litri turbodiesel da 190 e 231 Cv, mentre per chi “viaggia di corsa” ci sono i 3 litri a gasolio da 265 e 326 Cv. In Italia la nuova BMW X4 sarà disponibile con prezzi a partire da circa 53 mila euro.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

New Stratos, al salone di Ginevra un omaggio alla Lancia che fu – FOTO

prev
Articolo Successivo

Kia Ceed, niente più apostrofo ma tanta tecnologia. E stile – FOTO

next