Nina Moric è stata rinviata a giudizio con l’accusa di diffamazione aggravata da un “fatto determinato” per aver dato del “viado” alla showgirl argentina Belen Rodriguez nel corso di un’intervista a Radio24. La decisione è stata presa dal gup di Milano Teresa De Pascale al termine dell’udienza preliminare che si è tenuta questa mattina. Belen sarà parte civile nel processo, che inizierà il prossimo 17 aprile davanti ai giudici della decima sezione penale.

Tra i testi citati dalla difesa di Moric, rappresentata dall’avvocato Solange Marchignoli, ci sono Giuseppe Cruciani e David Parenzo, conduttori della trasmissione radiofonica, oltre al compagno della modella, Luigi Favoloso. “Non è una bella persona come tutti credono, perché quando si trattava di mio figlio girava per casa nuda. Mio figlio ha avuto gli incubi quando aveva 5 anni, lei mi minacciava di morte”, aveva detto la modella croata nella sua intervista a ‘La Zanzara’ riferendosi a Belen Rodriguez.

Il giudice Maria Pia Bianchi, nel luglio scorso, aveva accolto l’istanza della Procura che aveva chiesto che alla Moric venisse contestata anche l’aggravante di aver attribuito “un fatto determinato” nella presunta diffamazione. La Moric aveva appunto detto che Belen, quando abitava con Corona avrebbe girato “nuda” per casa davanti al figlio della modella croata e di Corona. Il giudice aveva, quindi, trasmesso nuovamente gli atti al pm Francesco Cajani, titolare dell’inchiesta, che ha riqualificato le imputazioni. Da qui la richiesta di rinvio a giudizio e l’udienza preliminare che si è conclusa stamattina.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Lo yoga in Occidente? “Colonialista, elitista, narcisista e soprattutto contribuisce al suprematismo bianco”

prev
Articolo Successivo

Isola dei Famosi 2018, Jonathan Kashanian in lacrime: “Vorrei avere un figlio. Temo di invecchiare senza averne avuto uno”

next