Con un incremento di 2,7 miliardi sul 2016 (+5,3%), lo scorso anno gli italiani hanno speso ben 53,3 miliardi di euro per acquistare benzina e gasolio: un dato che deriva da un’elaborazione dal Centro Studi Promotor su dati ufficiali sui consumi e sui prezzi dei carburanti diffusi dal Ministero dello Sviluppo Economico.

In pratica i nostri connazionali spendono più per fare il pieno che per sostituire la propria auto (nel 2017 le stime parlano di 49,4 miliardi) o farle la manutenzione (41,6 miliardi spesi in quella ordinaria e nelle riparazioni).

Come si legge nella nota ufficiale del Centro Studi Promotor, questo incremento “non è dovuto ad un aumento dei consumi di carburante, che anzi sono in calo dell’1,9%, ma dalla dinamica dei prezzi alla pompa che ha portato il prezzo medio ponderato per la benzina da 1,443 euro del 2016 a 1,528 euro del 2017 con incremento del 5,9%; mentre il prezzo medio ponderato del gasolio è passato da 1,281 euro del 2016 a 1,383 euro del 2017 con un incremento dell’8%”.

Al solito a gravare sul portafoglio degli automobilisti è la fortissima tassazione sui carburanti: basti pensare che nel conto rientrano ancora le accise per la guerra di Etiopia del ‘35, per la crisi di Suez del ‘56, per il disastro del Vajont del ’63 o per l’alluvione di Firenze del 1966.

“Dei 53,3 miliardi spesi per italiani ben 33,8 miliardi, cioè il 63,5% sono finiti nelle casse dell’Erario”. Alla produzione e alla distribuzione dei prodotti petroliferi di benzina e gasolio sono finiti invece 19,5 miliardi.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Nissan X-Trail Trainer, l’auto col kit amico dei cani – FOTO

next
Articolo Successivo

Aston Martin Valkyrie, c’è chi l’ha ordinata con vernice alla polvere di Luna – FOTO

next