Spesso si dice che ormai l’auto è diventata come un elettrodomestico. Più per sottolinearne la funzione primaria, ovvero quella di servizio di trasporto, che per una diminutio. Anche se, ad onor del vero, ce ne sono alcune il cui look giustifica l’accostamento…

Boutade a parte, questa volta il paragone ci sta tutto. Perché uno studio dell’università di Manchester, pubblicato sulla rivista Science of the Total Environment, ha rivelato che i forni a microonde utilizzati nell’Unione Europea emettono ben 7,7 tonnellate di anidride carbonica all’anno. Ovvero l’equivalente di 6,8 milioni di auto.

Perché quelli a microonde sono la tipologia di forni più acquistata nell’UE, e si stima che ne verranno venduti 135 milioni entro il 2020. E il loro ciclo vita si è abbassato drasticamente dagli anni ’90 ad oggi, passando dai 10-15 anni di allora i 6-8 attuali.

Ebbene, con numeri del genere è facile immaginare che a pesare sulle emissioni siano soprattutto i consumi energetici. L’energia da loro utilizzata è infatti stimata in 9,4 terawattora all’anno: la stessa generata annualmente da tre centrali elettriche a gas. C’è poi il consumo del singolo forno a microonde, in otto anni di vita media, che è pari a 573 kilowattora.

Non meno importante, poi, è da considerare lo smaltimento quando un forno va in “pensione”. E anche qui i numeri sono di quelli importanti, visto che nell’intera Unione sono state gettate 184 mila tonnellate di rifiuti “elettrici” nel 2005, che saliranno a 196 mila nel 2025: il che significa circa 16 milioni di forni a microonde dismessi. Fatto che, secondo i ricercatori inglesi, pone e porrà un serio problema ambientale.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Arabia Saudita, Uber cerca autisti donne. Da giugno 2018 avranno la patente

prev
Articolo Successivo

Mercato auto, nel 2017 l’Europa cresce del 3,3%. E l’Italia torna a brillare

next