Ammy “Dolly” Everett si è tolta la vita a 14 anni dopo essere stata vittima di bullismo in rete. La ragazzina australiana era diventata famosa in tutto il Paese per aver prestato il volto alcuni anni fa a una campagna pubblicitaria della Akura, azienda produttrice di cappelli tipici. A rivelare i motivi del gesto estremo, compiuto il 3 gennaio, è stato nei giorni successivi il padre di Dolly, Tick Everett, in un lungo post su Facebook.

L’uomo ha invitato i bulli che tormentavano online la figlia ad andare ai suoi funerali. “Così vi renderete conto – ha scritto – di quale disastro abbiate combinato. Non avete la metà della forza che aveva il mio prezioso angelo – ha scritto ancora – e che ha dimostrato anche nel mettere in atto il suo tragico piano per sfuggire alla cattiveria di questo mondo”. “Non conoscerà mai il dolore che ha lasciato alle spalle” aggiunge Tick Everett, che conclude il suo post con un accorato appello contro il bullismo “perché solo così la vita di Dolly non sarà andata sprecata”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Parigi, rapina all’hotel Ritz: armati di ascia e pistole portano via gioielli. Due in fuga con il bottino da 4,5 milioni di euro

next
Articolo Successivo

Parigi, rapina al Ritz: arrestati 3 rapinatori, i due complici sono ancora in fuga. Recuperata una parte della refurtiva

next