In Rete è già stata ribattezzata la “tassa sul sudore“: 25 euro che ogni ciclista amatoriale dovrà versare dal primo gennaio alla Federazione Ciclistica Italiana. Approvata all’ultimo, il 22 dicembre, prima della pausa natalizia, questa misura riguarda migliaia di ciclisti amatoriali che ora dovranno avere la Bike Card della Federciclismo. Un canone annuo che però al momento non garantisce alcun servizio assicurativo o di altro genere ma che in futuro “offrirà comunque anche dei servizi. Quali? Ci penseremo” ha detto al Corriere Renato Di Rocco, presidente della Federciclismo.

Fino ad oggi per partecipare alle competizioni ciclistiche amatoriali era sufficienti iscriversi ad uno degli enti di promozione sportiva autorizzati dal Coni e presentare un certificato medico. Da gennaio invece sarà obbligatorio presentare la Bike Card per essere ammessi. Una misura decisa dalla Federciclismo dopo aver tentato invano – spiega il Corriere della Sera – di imporre agli organizzatori delle gare un obolo di un euro per ogni partecipante e agli enti un contributo di 1,5 euro a tessera.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Tariffe, dal 1° gennaio aumentano le bollette: elettricità 5,3%, gas 5%

next
Articolo Successivo

Sci, Federica Brignone vince il gigante di Lienz. Altro successo azzurro dopo il trionfo di Dominik Paris a Bormio

next