Christian De Sica non si esibirà domani sera al teatro San Carlo di Napoli per il “grave inadempimento degli accordi siglati” da parte del promoter. Da cartellone, l’attore avrebbe dovuto esibirsi la sera del 27 dicembre con “Christian racconta Christian De Sica” ma in una nota sul suo profilo Facebook fa sapere che lo “spettacolo è stato annullato per sofferta decisione dell’artista”.

“Molteplici difficoltà di allestimento e insormontabili ostacoli alla realizzazione di indispensabili supporti tecnici avrebbero impedito di offrire agli spettatori uno show di livello che giustificasse l’alto costo del biglietto richiesto, non adeguato alla tipologia della serata” spiega l’ufficio stampa di Christian De Sica, precisando che “i biglietti acquistati verranno interamente rimborsati” e che “il signor De Sica desidera ribadire il suo grande amore per Napoli e l’augurio di poter ritornare presto ad esibirsi in questa meravigliosa città per un pubblico caloroso che gli ha sempre tributato grande affetto”.

La decisione di annullare lo spettacolo è stata presa anche per tutelare tutti i lavoratori che collaborano alla riuscita dello spettacolo: “Inoltre, poiché il promoter della serata non ha rispettato in toto le clausole contrattuali con grave inadempimento degli accordi siglati – si legge ancora nella nota- , il signor De Sica e la ENPI Entertainment, produttrice dello spettacolo, desiderano tutelare gli oltre sessanta professionisti coinvolti, tra orchestrali e staff tecnico, che rischierebbero di non veder retribuito il loro lavoro”.

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Vittorio Cecchi Gori è uscito dal coma. L’ex moglie Rita Rusic: “È cosciente, contento di vederci”

prev
Articolo Successivo

Gualtiero Marchesi morto, addio al “re” della cucina italiana. Aveva 87 anni

next