Quello esploso oggi a Baumgarten è uno dei principali snodi di distribuzione del gas naturale in Europa. Situato nel territorio austriaco al confine con la Slovacchia, l’hub può contare su un volume di circa 40 miliardi di metri cubi l’anno (dati 2015). Costruito sul sito del giacimento ormai esaurito di Zwerndorf, ha iniziato la sua attività nel 1959 e nel 1968 ha trattato la prima consegna di gas dalla Russia. L’hub di Baumgarten, infatti, è il terminale del ciclopico gasdotto di Urengoy-Uzhgorod (140 miliardi di metri cubi l’anno potenziali) che collega la Russia all’Europa passando attraverso l’Ucraina. Baumgarten si trova inoltre al cuore di una rete di gasdotti secondari che portano il gas a Francia, Germania, Europa dell’Est e, grazie alla Trans-Austria gas pipeline (TAG), all’Italia, alla Croazia e alla Slovenia. L’hub fa capo alla società Central European Gas Hub (Cegh), di fatto la Borsa del gas, a sua volta controllata da Omv (65%), Wiener Boerse (20%) ed Eustream (15%). Il gasdotto TAG è l’unico non gestito dalla Gas Connect Austria ma dalla TAG GmbH, che fa capo a Snam.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

‘Ndrangheta a Taurianova, le intercettazioni: “Il materiale deve prenderlo da noi, lo carico sul camion a calci”

next
Articolo Successivo

In elicottero dal continente alla Sardegna per trasportare la cocaina, così eludeva i controlli della Gdf

next