Dopo una lunga malattia, sabato 9 dicembre a Roma è morto Lando Fiorini. Lo ha comunicato all’Adnkronos il figlio Francesco. Il cantante e attore romano avrebbe compiuto 80 anni il prossimo 27 gennaio.  In oltre 50 anni di carriera la Voce dè Roma ha rappresentato, attraverso le sue canzoni, la romanità più squisita, colta, disincantata, ma anche affabile, generosa.

Le sue canzoni sono un inno alla città, una testimonianza d’amore: Stornellata romana, Pè lungo Tevere, Barcarolo romano, Ciumachella de Trastevere, Semo gente de borgata, Na preghiera pè Roma sparita, Nun je dà retta Roma, Chitarra romana, Roma in saccoccia… Classe 1938 Leopoldo Fiorini era nato nel popolare quartiere di Trastevere dove si trova il suo locale, il Puff. Ultimo di otto figli, viene affidato dai genitori ad una famiglia di Modena. Trascorre l’infanzia a Disvetro di Cavezzo prima di ritornare nella capitale. Dove farà piccoli lavori per sbarcare il lunario: barbiere, riparatore di biciclette, facchino ai Mercati Generali. Ma è proprio tra i capannoni dell’Ostiense che il giovane Lando scopre la sua vocazione.

Gli amici lo spingono a studiare canto. Gli anni ’60 lo fanno conoscere al grande pubblico. La sua prima apparizione al Cantagiro e poi teatro con Garinei e Giovannini (Rugantino), radio, tv (Il paroliere questo sconosciuto, Canzonissima e più tardi Ciao, torno subito e Come quando fuori piove), cinema con Franco Franchi e Ciccio Ingrassia, Sergio Corbucci e Adriano Celentano (Storia di fifa e di coltello).
Ma Lando Fiorini è incontenibile. Cerca la sua casa, il suo piccolo grande regno e fonda il Puff, uno dei primi locali di cabaret della capitale. Teatro e canzoni, musica e cucina tipica romana. Un pubblico appassionato che accorre da tutta Italia (e non solo) per ascoltare i suo racconti, gli aneddoti. “Se cancelli le radici – aveva confessato un giorno – Perdi valore, spessore, occasioni”.

“Ciao Lando Fiorini, artista dal core grosso, con te se ne va una delle grandi voci di Roma”, ha scritto in un tweet il governatore del Lazio, Nicola Zingaretti.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Ilary Blasi e Silvia Toffanin si baciano in tv, i social network impazziscono

prev
Articolo Successivo

Roma, accanto al numero del tavolo sullo scontrino del pranzo c’è la scritta “ciccione”

next