La morte arriva per tutti. Ma quest’anno, e per almeno 14mila italiani, è arrivata assai prima del previsto. Escludendo l’ipotesi irragionevole di suicidi di massa, la morte prematura rispetto alle nuove aspettative di vita è figlia di un dato sconfortante e drammatico: c’è sempre più gente che non si cura. Non riesce a sostenerne il costo economico; oppure non riesce ad ottenere le cure adeguate, una diagnosi tempestiva.

Nei primi sette mesi del 2017 – come giustamente riporta allarmato un titolo di Avvenire – si sono registrati 48mila decessi in più rispetto al 2016, con la soglia della mortalità che ha raggiunto tra gennaio e luglio 383.133 decessi, 28 mila morti in più, valore che se confermato e proiettato sul resto dell’anno statuirebbe per il 2017 la cifra record di 663.284 morti con 48 mila in eccesso rispetto all’anno scorso. Con un saldo naturale negativo di circa 200mila unità. È vero solo in parte che si muore di più perché gli anziani aumentano. L’incremento strutturale della mortalità, derivato dal continuo invecchiamento, dovrebbe – ci informano gli esperti – assestarsi a una soglia riferibile alla metà di questo tragico surplus. E gli altri, tutti gli altri? Vecchi e nuovi poveri, vecchi e nuovi morti.

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Mi piaci, mi piaci, mi piaci. Flavio Tosi e il mercato libero dei like – L’istantanea di Caporale

prev
Articolo Successivo

Sei un potente o vuoi diventarlo? Guarda come fare – L’istantanea di Caporale

next