L’hanno chiamata strategicamente “stabilizzazione del bonus bebè”, un modo per dirci che qualcosa di stabile nella vita delle famiglie italiane c’è, e sono per l’esattezza 40 euro al mese, a famiglia, ma soltanto fino al compimento del primo anno di età del neonato.

Con un colpo di spugna, la commissione Bilancio del Senato ha approvato la riforma del bonus bebè, che non mi convinceva prima figuriamo ora che restano gli spiccioli.

Qualche anno fa, quando il bonus era di 80 euro e per i primi tre anni di vita del bambino, scrissi una lettera critica all’allora premier Matteo Renzi dove lo ponevo di fronte a un quesito: se la domanda è ‘vi fanno comodo 80 euro per tre anni?’ la risposta non può che essere. Ma se la domanda diventa ‘sono queste le riforme sociali che ti aspetti?’ la risposta è no. E proprio alla luce di questa risposta, lo invitato a tenersi pure i miei 80 euro, perché francamente, noi tutti, meritiamo altro.

Oggi che il bonus è dimezzato e ridotto a un’ombra di sé stesso, mi rendo conto che ci stanno abituando al peggio. Ed è l’abitudine a questa deriva che desta maggiore preoccupazione.

Dietro la riforma del bonus bebè, e più in generale dietro le politiche rivolte alle famiglie, non c’è nessuno sforzo, nessuna capacità di comprendere che se in Italia una multinazionale come Ikea può permettersi di licenziare in tronco una madre separata con due figli, di cui uno disabile, non c’è bonus che tenga; che se in Italia nel 2016 sono nati oltre 12mila in meno rispetto al 2015 e che se nell’arco di 8 anni (dal 2008 al 2016) le nascite sono diminuite di oltre 100mila unità, non saranno 40 euro al mese a incentivare, aiutare e nemmeno a consolare.

Le riforme sociali si misurano sulla base di politiche pianificate, continuative e a lungo termine, che il governo dovrebbe mettere in campo per garantire ai genitori precari il diritto all’esistenza. Altrimenti saremo solo animali in estinzione.

Allora, come sempre, la domanda è: a parte i 40 euro, quali azioni vuole mettere in campo il governo per la crescita economica e sociale del paese? Perché se il pacchetto si riduce alle briciole di un bonus già partito male allora, per la seconda volta, i miei 40 euro ve li potete pure tenere.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Ius soli, verso lo stop definitivo della legge. Ci prova Malagò: “In 15 anni persi 4 milioni e mezzo di potenziali atleti”

prev
Articolo Successivo

Hiv, storia di Stefano: “Lavoro e amore, quando lo dici scappano tutti. Discriminati, anche nella comunità lgbt”

next