Mamma separata e con due figli, di cui uno disabile, licenziata dall’Ikea di Corsico (Milano) dopo 17 anni. Ma ora l’azienda, dopo molte proteste, sembra frenare per “valutare al meglio tutti i particolari” della vicenda. La Filcams Cgil, che nel grande magazzino ha proclamato due ore di sciopero in sua solidarietà, con un presidio annunciato per il 5 dicembre. Marica Ricutti, 39 anni impiegata nello stabilimento in Lombardia, dopo avere girato molti reparti, a un nuovo cambio di mansione avrebbe dovuto anticipare l’inizio del lavoro ma non poteva arrivare alle 7 del mattino perché, madre separata, deve portare i figli a scuola e assicurare a uno dei due disabile una cura specialistica.

Ricutti, per risolvere la sua situazione si era rivolta anche al sindacato. Lei aveva infatti accettato il cambio di reparto, chiedendo che il gruppo svedese le andasse incontro per gli orari. All’inizio avrebbe ricevuto assensi verbali, poi l’atteggiamento sarebbe cambiato.

Prima le è stato contestato il fatto che proseguisse nell’orario che faceva prima del cambio, con inizio alle 9 del mattino, poi è arrivato il licenziamento essendo venuto meno il rapporto di fiducia con la lavoratrice, che ha la tutela dell’articolo 18. “Ikea dà un segnale a tutti”, sintetizza il segretario milanese della Filcams Cgil, Marco Beretta. “E’ una storia che racconta del fatto che quel pezzo di Statuto dei Lavoratori non è un ferro vecchio, ma uno strumento della modernità perché libera i lavoratori dal ricatto”, scrive su Facebook il capogruppo di Articolo 1 – Mdp Francesco Laforgia, mentre la vicepresidente dei deputati del Partito Democratico Titti Di Salvo ha preannunciato un’interrogazione parlamentare chiedendo che sulla vicenda “venga fatta chiarezza”. Tra gli altri interviene anche Rifondazione Comunista, così come su Twitter Teresa Bellanova, viceministro allo Sviluppo economico e componente della segreteria del Pd, invita “Ikea a ripensarci”. Interviene anche la segretaria Cisl Annamaria Furlan: “E’ un fatto molto grave, inaccettabile, che ripropone nel nostro paese quanto sia difficile per le donne conciliare il lavoro con la cura della famiglia”.

In serata è arrivata la frenata dell’azienda. “In merito alla situazione di Marica Ricutti, Ikea Italia comunica che sta svolgendo tutti gli approfondimenti utili a chiarire compiutamente gli sviluppi della vicenda” in quanto “vuole valutare al meglio tutti i particolari e le dinamiche relative alla lavoratrice oggetto della vicenda. Solo dopo aver completato questa analisi” Ikea Italia spiega che “commenterà le decisioni prese e le ragioni che ne sono alla base”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

MANI PULITE 25 ANNI DOPO

di Gianni Barbacetto ,Marco Travaglio ,Peter Gomez 12€ Acquista
Articolo Precedente

Black Friday di Amazon, i lavoratori scioperano? Caro consumatore, sei tu che comandi

next
Articolo Successivo

Riders di Foodora e Deliveroo, i loro diritti sono un banco di prova per il Jobs act

next