Se fino a qualche tempo fa l’offerta di cinepanettoni natalizi era affidata alla coppia Massimo Boldi-Christian De Sica, da ormai qualche anno, complice la separazione artistica dei due, le alternative si sono moltiplicate. Quest’anno toccherà infatti a Massimo Boldi con il suo Natale da chef di Neri Parenti, Christian de Sica che insieme a Enrico Brignano sarà protagonista di Poveri ma ricchissimi, pellicola di Fausto Brizzi anche se di Fausto Brizzi non sembra e infine alla “trovata” di Aurelio De Laurentiis che ha affidato a Paolo Ruffini l’inedito ruolo di regista per Super vacanze di Natale.

Di cosa si tratta? Di una raccolta di spezzoni tratti dai cinepanettoni che hanno avuto la coppia De Sica-Boldi protagonista. Cosa che proprio a Boldi non è andata giù. L’attore ha chiesto al produttore di poter visionare il film ma, una volta ricevuto un secco rifiuto, ha chiesto il blocco e il sequestro del film per “concorrenza sleale”. Mossa che è stata appoggiata anche da De Sica che in una lunga intervista a Chi ha dichiarato: “Super Vacanze di Natale? Ci sono rimasto male perché Aurelio neanche ci ha avvertito, dopo 32 anni poteva dircelo. Io non ho neanche visto il film perché è proprio una sciocchezza, quegli spezzoni si possono vedere gratis su Youtube. È stato fatto con film vecchi. Ho sempre detto che, se ci fosse stata una buona idea, avremmo potuto tornare insieme. Ma così, senza dircelo, ha fatto una sciocchezza. Poteva chiedercelo. Gli avremmo detto di no”. Come finirà questa battaglia dei cinepanettoni? E soprattutto, chi vincerà al botteghino?

 

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Smetto quando voglio – Ad Honorem, il ritorno della banda dei professori è servito

prev
Articolo Successivo

Riccardo va all’inferno, versione femminista e in forma di musical del testo di Shakespeare con la regia di Roberta Torre

next