“Con la sua enorme dedizione e impegno è stato la forza trainante della band, come chitarrista, compositore e visionario; era un perfezionista e un uomo unico”. Il sito degli Ac/Dc comunica così la morte di Malcolm Young, co-fondatore del gruppo rock, scomparso a 64 anni dopo una lunga malattia. Era nato a Glasgow, in Scozia, il 6 gennaio del 1953, e insieme a suo fratello Angus aveva fondato il gruppo australiano nel 1973 a Sydney. Young aveva lasciato la band nell’aprile del 2014 per ricevere un trattamento contro la demenza; qualche mese dopo era stato annunciato ufficialmente dal managment degli AC/DC che il suo ritiro era definitivo.

“Come suo fratello mi è difficile esprimere con le parole ciò che lui ha significato per me, l’unione che avevamo era unica e molto speciale”, ha scritto Angus sul sito web del gruppo. Il musicista è morto pacificamente, circondato dalla sua famiglia. “Fin dall’inizio sapeva cosa voleva raggiungere e insieme al fratello minore (Angus Young) è andato sul palcoscenico mondiale dando tutto in ogni spettacolo”, continua il messaggio. Sua moglie O’Linda e i suoi figli Cara e Ross chiedono rispetto per il loro dolore e donazioni per l’Esercito della salvezza invece dei fiori. Il mese scorso, George Young, fratello maggiore di Malcolm e mentore del gruppo, è scomparso all’età di 70 anni.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Consigli per gli ascolti, Gerardo Pozzi e la rivoluzione in un Badabùm

prev
Articolo Successivo

I Musica da ripostiglio (da camera sembrava eccessivo) nominati per i Grammy Awards 2018

next