Il 18 e 19 novembre torna la GEFORCE GTX Challenge, il torneo organizzato da NVIDIA in collaborazione per quest’edizione con Lenovo, che vedrà impegnati a Parigi 8 team di youtuber e streamer rappresentanti 8 nazioni (o regioni), tra cui l’Italia, in altrettante sfide videoludiche a cavallo tra eSport e spettacolo.

L’intero evento sarà trasmesso in streaming sui canali Twitch locali di NVIDIA. Il commento italiano sarà affidato a “VKing“, pro-player di Hearthstone del Team QLASH e caster, e a “MarcusKron“, streamer e youtuber. Sul “campo” l’Italia sarà invece rappresentata dai MATES, il celebre collettivo di youtuber – sono tra i più seguiti nel nostro paese – formato da Anima, ST3PNY, Surreal Power e Vegas, che saranno impegnati nelle 8 sfide, 7 videoludiche (Destiny 2, Overwatch, PES2018, Project Cars 2 VR , PLAYERUNKNOWN’s Battlegrounds, Rainbow Six: Siege e Rocket League) ed 1 evento speciale “Build Your PC” in cui dovranno cimentarsi nell’assemblaggio di un PC, contro gli youtuber e streamer dei team di Francia, Germania, Spagna, Polonia, dei Paesi scandinavi e della CSI.

Il torneo di NVIDIA però non è una gara di abilità pura con i vari giochi, ma punta molto sulla componente spettacolo – motivo per cui i partecipanti dei vari team sono intrattenitori e non pro player- dando spesso ai giocatori sfide non standard da compiere per arrivare alla vittoria, coinvolgendo anche il pubblico che segue in streaming dandogli modo di sostenere la propria squadra e portarla alla vittoria; nella precedente edizione, ad esempio, gli spettatori potevano votare per dare degli handicap ai team.

Per le competizioni verranno utilizzate soluzioni dalla linea gaming Legion di Lenovo: il Legion Y920 Tower in una configurazione per VR di alto livello, dotato di una gpu NVIDIA GTX 1080, insieme al monitor curvo Lenovo Y27G ed il notebook Legion Y920 da 17″ dotato di scheda grafica NVIDIA GTX1070.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Blizzcon 2017: tutte le novità in arrivo su Overwatch, Starcraft, Hearthstone, Heroes of the Storm e World of Warcraft

prev
Articolo Successivo

IPhoneX, ecco come funziona il riconoscimento facciale del nuovo arrivato di casa Apple, il “Face ID”

next