La finlandese HMD Global ha annunciato oggi il Nokia 2, uno smartphone Android di fascia bassa che arriverà il prossimo anno sul mercato italiano, in versioni single e dual sim, con un prezzo di listino a partire da 99€.

Il Nokia 2 si presenta con una scheda tecnica certamente non entusiasmante – simile a quelle presenti alcuni anni fa nelle fasce superiori – ma perfettamente in linea con il prezzo a cui viene offerto: display da 5″ HD, scocca in alluminio con design simile agli altri smartphone del marchio, SoC Snapdragon 212 con CPU Quad Core da 1.3GHz, 1 GB di Ram, 8 GB di memoria interna (espandibile tramite micro sd ), fotocamera posteriore da 8MP con autofocus e flash led , fotocamera anteriore da 5MP, batteria da 4100mAh (capace secondo il produttore di offrire due giorni di utilizzo con una singola ricarica) e supporto alle reti 4G. Come la restante gamma di smartphone a marchio Nokia prodotti da HMD, a bordo si troverà Android 7.1.1 in versione pura, senza software o interfacce del produttore, con la garanzia di ricevere mensilmente gli update di sicurezza ed in futuro anche Android 8.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Elon Musk svela il primo tratto del tunnel anti-traffico: a 240 km/h nelle viscere di Los Angeles

prev
Articolo Successivo

Gli Italian Esports Open 2017 di ESL al Lucca Comics & Games dall’1 al 5 novembre

next