“Non ci arrendiamo” così i giovani ragazzi che frequentano Zalib, la libreria di via della Gatta a Roma, rispondono allo sfratto (ormai inevitabile) imposto dai proprietari dello stabile. “Per noi questa è una seconda casa, è un posto dove ci ritroviamo, dove studiamo e dove abbiamo trovato una seconda famiglia” raccontano le ragazze che lo frequentano. “Sono quasi 20 anni che questa libreria rappresenta un punto di aggregazione importante per i giovani studenti del centro, ed è grazie a loro se questa attività continuerà ad esistere” spiega il gestore Marco Zavaroni. “Abbiamo raccolto quasi 20mila euro con il crowdfunding e cerchiamo una nuova sede per non perdere questo luogo e quello che rappresenta per noi” spiegano i ragazzi.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Performance o vandalismo? Fontana di Trevi colorata di rosso. Fermato il responsabile, aveva già colpito nel 2007

prev
Articolo Successivo

Amalia Signorelli, venerdì 27 e sabato 28 a Roma l’ultimo saluto all’antropologa e collaboratrice del Fatto

next