#ilcontastorie

Mi trovavo nel mio ufficio privato, ovvero la mia stanza, e stavo per iniziare a scrivere uno dei prossimi post per questo blog, quando alle mie spalle cominciai a sentire un fastidioso brusio. Capii subito che si trattava del dottor Camo (mio consulente professionale) e del signor Sigfrido:  il primo è un simpatico orsacchiotto, l’altro un pappagallo di peluche fin troppo ripetitivo. Io, invece, sento parlare i peluche – perché, c’è qualcosa di male? Vi assicuro che possono farlo, soprattutto quando il loro proprietario ha qualche rotella difettosa.

Ad ogni modo, indifferente, continuai nella mia attività – ovvero fingere di fare il giornalista, che poi è quello che realmente faccio nella vita – e li lasciai proseguire: argomento al centro, lo ius soli. Ora fate silenzio.

Dottor Camo: «Io allo ius soli dico sì»;

Signor Sigfrido: «Io allo ius soli dico sì»;

C: «Ti diverte così tanto ripetere?»;

S: «Ti diverte così tanto ripetere?»;

C: «Anziché fare lo stupido, almeno sai che cos’è?»;

S: «Ehm, so che ha a che fare con gli immigrati. Ma tutto quello che riguarda loro non mi interessa»;

C: «Che ragionamento insensato è mai questo? Si parla della società nella quale vivi, per cui ti devi interessare. Lo ius soli riguarda di fatto i bambini e la legge in discussione (che attende l’approvazione del Senato) propone di allargare i criteri per chiedere la cittadinanza ai minori nati in Italia da genitori stranieri o arrivati in Italia da piccoli, senza dover aspettare la maggiore età per richiederla»;

S: «Scusa, a questo punto perché non possono aspettare i 18 anni?»;

C: «Semplice, perché fino alla maggiore età non potrebbero godere degli stessi diritti dei loro coetanei nati in Italia da almeno un genitore italiano: questo nonostante parlino la stessa lingua, studino nelle stesse scuole, si frequentino nel tempo libero, facciano amicizie, si fidanzino… magari proprio con i coetanei italiani»;

S: «Ma se la concediamo poi va a finire che ci invadono definitivamente»;

C: «E questa dove l’hai sentita? Quindi dobbiamo far sentire di serie B dei ragazzini solo perché i loro genitori provengono da un paese straniero? Ormai, a furia di ripetere quello che senti in giro, non ti fermi più a riflettere: stai diventando come molti italiani, approssimativo e razzista»;

S: «Sarà, ma resta il fatto che non sono veri italiani»;

C: «Sù, adesso dimmi cosa significa essere italiano oppure americano, congolese, vietnamita eccetera»;

S: «Ehm, cioè, non saprei: di certo non è colpa nostra se siamo nati più ricchi di altri»;

C: «La stessa cosa allora vale per chi è nato in un paese più povero: ti ricordo che nessuno sceglie dove nascere. E poi caro il mio Sigfrido a guardare bene la tua etichetta si scopre che sei stato prodotto in Cina, lo sai questo?»;

S: «Va beh, ma io sono sempre stato in Italia, mi sento italiano»;

C: «E qui ci casca l’asino: ti senti italiano alla stregua di tutti quelli che da molto tempo vivono in Italia. Ti trovi nella stessa loro “barca”, scommetto che ora inizi a capire quanto sia paradossale questa situazione»;

S: «È diverso, perché io sono un oggetto»;

C: «Appunto, qui si parla di persone, ma che dico di bambini! Tu li intrattieni anche, e sai che tra loro non esistono differenze, pregiudizi e il colore della pelle non fa differenza alcuna. Se però noi adulti, pelouche inclusi, imponiamo delle differenze tra gli uni e gli altri, cosa mai insegneremo al futuro dell’umanità?»;

S: «Ma non tocca a noi e soprattutto mica possiamo salvare il mondo»;

C: «Certo che no, ma possiamo renderlo un posto migliore, cambiarlo per quanto possibile. Io comincerei a far capire che il colore della pelle è solo una differenza cromatica, che non rende peggiore o migliore una persona. E poi prima di parlare, vorrei che le persone e i pappagalli di pelouche, si mettessero nei panni di chi quella situazione la vive e si chiedano: e io, al loro posto, come mi sentirei?».

Pagina Facebook

Pagina Instagram

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Migrare non è reato (e altre cose che non passano in tv)

next
Articolo Successivo

Ius soli, bugie e verità sulla legge della discordia. Ecco cosa succederebbe se venisse approvata

next