Dieci giorni fa la corsa in ospedale a Torino in gravissime condizioni di una bimba di 7 anni per sospetto tetano. Oggi è arrivata la conferma che la piccola, ricoverata dallo scorso 7 ottobre all’ospedale infantile Regina Margherita, aveva contratto la malattia infettiva. “La diagnosi clinica ci ha permesso di stabilire con certezza che si tratta di un caso di tetano”  ha spiegato all’Ansa il dottor Giorgio Ivani, primario della Rianimazione, dove la piccola paziente resta ricoverata. Gli esami ematologici hanno inoltre confermato che non era vaccinata. Come suggerito dagli infettivologi della Città della Salute, e come previsto dalla prassi, è stata vaccinata.

Le condizioni della piccola “migliorano molto lentamente e progressivamente. La letteratura indica un rischio di crisi per almeno trenta giorni – spiega -. Trattandosi di una bambina piccola, che al momento del ricovero presentava sintomi importanti, è quindi necessario resti in Rianimazione, dove può essere tenuta sotto stretto controllo, per almeno un mese benché sia cosciente e orientata”.  La Rianimazione del Regina Margherita, ricorda ancora il primario Ivani, è stata una delle prime in Italia “a consentire ai genitori di assistere i piccoli pazienti giorno e notte“. È il caso anche della bimba, per la quale non è stato possibile accertare il modo in cui ha contratto la malattia. “Apparentemente la paziente non presenta segni di ferite” conclude il dottor Ivani.

Nei giorni scorsi intervistato da due quotidiani il padre della paziente aveva spiegato: “Non siamo attivisti no vax e non vogliamo che la salute di nostra figlia venga strumentalizzata per la battaglia contro o a favore dei vaccini. “Siamo stati criminalizzati dall’opinione pubblica ma non siamo genitori degeneri. Ci siamo informati sugli effetti collaterali e abbiamo fatto le scelte che ritenevamo migliori e giuste. Questa storia non c’entra nulla con i vaccini – sosteneva ancora l’uomo – e non voglio che mia figlia venga sfruttata per riaprire il dibattito. Su questo tema serve più informazione, non servono le polemiche. Io credo nella scienza. Non appena mia figlia è stata male l’abbiamo portata in ospedale”. Il vaccino contro il tetano, che arriva ad avere una letalità superiore al 50%, è obbligatorio dal 1963 ed è stato confermato come tale dal recente decreto Lorenzin.

La malattia attacca il sistema nervoso centrale, a causarla è un batterio, il Clostridium tetani, che eliminato con le feci dagli animali può sopravvivere a lungo nell’ambiente sotto forma di spore. Una ferita può bastare, in condizioni opportune, per essere infettati, come per il bambino di dieci anni ricoverato la scorsa estate al San Martino di Oristano. Un caso conclamato di tetano, il primo dopo trent’anni, dovuto ad una ferita da taglio sulla fronte per una caduta dalla bicicletta. Anche lui non era vaccinato.