“Di ineludibile c’è solo la verità”: questa frase resterà a lungo nella memoria di chi ieri sera l’ha ascoltata durante il programma “Che tempo che fa”. A pronunciarla, Paola Regeni, ospitata col marito Claudio da Fabio Fazio. Questa frase è stata la risposta a chi aveva usato quell’aggettivo così impegnativo, 40 giorni fa, a proposito della partnership con l’Egitto: il ministro degli Esteri Angelino Alfano.

Talmente ineludibile da aver spinto il governo, il 14 agosto, a decidere di rimandare l’ambasciatore italiano al Cairo (poi insediatosi esattamente un mese dopo), proprio in coincidenza col quarto anniversario del peggiore massacro della storia egiziana e senza neanche darne preavviso ai genitori di Giulio.

Quali “passi avanti” (espressione ossessivamente ripetuta negli ambienti governativi) nella ricerca della verità su Giulio il ritorno dell’ambasciatore abbia favorito, è presto detto: zero. Tra i vari passi indietro, invece, la Commissione egiziana per i diritti e le libertà – l’organizzazione non governativa che fornisce consulenza ai legali della famiglia Regeni – è sempre più nel mirino del governo e il fondatore di un’associazione per la ricerca dei desaparecidos è in carcere, sottoposto a torture e con la cella piena di topi.

Da 21 mesi nelle parole di Paola e Claudio Regeni non c’è traccia di rancore, non c’è desiderio di vendetta. Ci sono domande, tuttora eluse: “chi e perché”, domande che non riguardano mai solo Giulio ma – come ricordato anche ieri sera – tutti i Giulii e tutte le Giulie d’Egitto. Ne spariscono tre o quattro al giorno, con serialità argentina o cilena, in un paese dove tanti corpi torturati narrano la ferocia della repressione.

Nelle parole di Paola e Claudio Regeni c’è l’assenza di pentimento, anzi l’orgoglio di aver educato un figlio ad avere uno sguardo aperto sul mondo, a esserne un cittadino globale, un appassionato studioso. “Sono questi i nostri valori”.

Foto tratta dalla pagina Facebook di Che tempo che fa

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Usa, ex stella di ‘The Apprentice’ cita Trump in giudizio: “Molestie sessuali”

next
Articolo Successivo

Uragano Ophelia, oltre 30 vittime tra Portogallo, Spagna e Irlanda. I venti alimentano centinaia di incendi

next