“Fuori la mafia da San Cristoforo”. Non usa mezzi termini Claudio Fava, candidato alla presidenza della Regione Siciliana dei Mdp e Sinistra Italiana, che ha deciso di tenere un comizio nella piazza di San Cristoforo, la stessa utilizzata sabato scorso dal candidato forzista Riccardo Pellegrino.

A sostenere il figlio di Pippo, il giornalista assassinato da Cosa nostra proprio a Catania, molti giovani, militanti e attivisti che fanno parte delle associazioni e gruppi antimafia etnei, a partire dai volontari del Gapa, presidio di legalità nel quartiere nato per aiutare i meno fortunati. “Non è un quartiere esclusivamente della mafia – spiega un attivista presente -, ci sono tante persone per bene, oneste e tranquille, ma purtroppo sono succubi”.

In questa stessa piazza, ricca di lustrini, palloncini, magliette, sedie e un palco da star, Pellegrino aveva inviato un saluto all’amico d’infanzia Carmelo Girolamo Mazzei, incensurato e studente di teologia, figlio del boss Nuccio, patriarca del clan dei ‘Carcagnusi’. “Tra amici ci si possono scambiare abbracci e saluti, e che il fratello di un imputato e il figlio di un boss siano amici non è il problema, ma che i loro idoli debbano essere Santapaola, Mazzei, Cappello, questa è la cosa irricevibile”, spiega a ilfattoquotidiano.it Fava.

“Essere a San Cristoforo per Fava significa che la politica può e deve entrare nei quartieri popolari”, spiega un ragazzo. “Oggi questa è la piazza dei catanesi che si riconoscono in parole di dignità e che non possono essere di chiunque dica che la mafia non esiste”, aggiunga un’altra attivista. Quello di Fava è un incontro meno fastoso, più diretto e vicino alla gente. Ad ascoltarlo, però, ci sono solo un centinaio di persone: numeri di gran lunga inferiori in numero rispetto a quelli di sabato scorso. “La piazza vera è quella di Pellegrino – commenta un avvocato che si definisce ‘comunista’ -, quella era molto più piena di quanto si colmerà questa”. “Fino a quando si continuerà ad immaginare che questa terra sia obbligata a calare la testa, ad osservare rispetto e obbedienza ai capi di Cosa nostra, non ha senso qui parlare di politica”, conclude invece Fava.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Legge elettorale, riprende il dibattito in aula. Segui la diretta

next
Articolo Successivo

Legge elettorale, l’analisi di Libertà e giustizia: “Ecco perché la fiducia si poteva e si doveva bloccare”

next