La terribile storia di Tiziana Cantone a certi scafisti della stampa populista non ha insegnato proprio nulla. Pubblicare i dettagli dello stupro di Rimini vuol dire violentare la vittima una seconda volta, candidandola, se mai verrà identificata – e c’è solo da sperare che ciò non avvenga neppure in Polonia – al linciaggio del web, suo e dei suoi mostri. Credo che qualche “collega” dovrebbe chiedere scusa ai genitori della ragazza polacca violentata a Rimini. Concordo in pieno con la dichiarazione che oggi si legge sul sito della Federazione nazionale della stampa (Fnsi) e sostengo l’esposto sottostante nella speranza che ad alcuni sciacalli venga messa, almeno per qualche tempo, la museruola.

«Due volte vittime. Per avere subito violenza sessuale di gruppo e dover subire in seguito anche quella di un giornalismo senza scrupoli che pubblica la trascrizione dei verbali con i dettagli più raccapriccianti dello stupro. È quello che ha fatto il quotidiano Libero con un articolo a sei colonne sugli stupri di Rimini a una turista polacca e a una transessuale peruviana».

Per quell’articolo le Commissioni pari opportunità della Fnsi, dell’Ordine e dell’Usigrai e l’associazione Giulia annunciano di aver presentato un esposto ai Consigli di disciplina degli Ordini della Lombardia e del Lazio in merito a come il quotidiano diretto da Vittorio Feltri e Pietro Senaldi.

«Non si può invocare il diritto di cronaca – spiegano le giornaliste – di fronte a una palese violazione della deontologia professionale che con il Testo unico dei doveri del giornalista impone loro, a tutela della dignità della persona, di non “soffermarsi sui dettagli della violenza”. Un giornalismo che decide di divulgare, nel dettaglio, tutti i particolari, anche i più intimi, della brutale aggressione, vuole ammiccare alla curiosità morbosa dei lettori e far leva sul sensazionalismo, incurante del diritto delle vittime alla privacy e del rispetto dovuto alle vittime. Che si trovano a subire un ulteriore atto di abuso nella loro sfera intima».

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

La Repubblica tradita

di Giovanni Valentini 12€ Acquista
Articolo Precedente

Internet haters, campagna di Myrta Merlino contro l’odio sui social. “Andremo a cercare chi insulta”

next
Articolo Successivo

Buondì Motta, c’è anche la terza vittima. Ma questa volta l’asteroide non c’entra

next