Niente mare, molte curve, parecchie tapas & cervezas, un botto di chiese gotiche e Plaze Mayor e tanta, tanta guida in relax. Ecco, in sintesi, il racconto del nostro viaggio estivo con la Spagna Centrale nel mirino, un occhio ai menù (quanto si mangia bene da quelle parti!) e l’altro al comfort di guida e ai consumi, al volante della Citroen C4 Picasso, portabandiera delle monovolume della marca francese. Che, intanto, si issa al vertice delle vendite di categoria del suo segmento in Italia (dati Unrae di agosto 2017).

A spanne, le “spese vive automobilistiche” per partire da Milano, scavalcare la Francia, girare come trottole in Catalunya, Aragona, Castilla y Leòn e tornare indietro, ammontano a circa 450 euro: 300 di gasolio e 150 di autostrada. Guidando nel rispetto dei limiti e nel massimo relax consentito dalle curve dei Pirenei e degli infiniti saliscendi delle pianure spagnole che, come raccontano sorridendo i ciclisti alla Vuelta, tanto pianeggianti non sono mai.

Per comprarsi una C4 Picasso Blue Hdi Shine col cambio automatico Eat6 come quella guidata nel nostro tour di circa 4.400 km ci vogliono 39.750 euro. A tavolino, la vettura dovrebbe fare circa 26 km con un litro di diesel. Nel caso del nostro nervosissimo itinerario, si è fermata a 18,2. Ci sta.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Magneti Marelli, Marchionne apre allo scorporo. Un toccasana per i debiti FCA?

prev
Articolo Successivo

Psa, l’accusa di Le Monde: “2 milioni di auto equipaggiate con software illegale”

next