Si è rifatta il posteriore la nuova Porsche Cayenne, prendendo in prestito la fanaleria della Panamera: la terza generazione della sport utility tedesca conserva il linguaggio stilistico del modello precedente, aggiornandosi più che altro nella meccanica e nell’impostazione degli interni, studiate per competere al meglio con concorrenti come la nostrana Maserati Levante. Assemblata sulla piattaforma costruttiva dell’Audi Q7, ora la Cayenne è lunga 492 cm (+6,3), con la capacità di carico del bagagliaio che cresce a 770 litri, 100 più di prima. Tuttavia sulla bilancia la vettura risulta fino a 65 kg più leggera del modello precedente. Merito pure della carrozzeria con porte e cofani in alluminio e di “chicche” come la batteria al litio, che da sola lima 10 kg di peso.

All’interno la tipica strumentazione tachimetrica a elementi circolari della Porsche è diventata digitale ed è composta da due TFT da 7” – che visualizzano dati di guida e navigazione satellitare – divisi da un contagiri analogico. I comandi, prevalentemente posizionati a livello del tunnel centrale, sono incorporati nel “Blackpanel” che sostituisce i tradizionali tasti fisici e permette di impostare climatizzazione, telaio e infotainment. Quest’ultimo si basa su un touchscreen da 12,3” e prevede la connessione a internet, la compatibilità con smartphone e i comandi vocali.

Dalla Panamera derivano pure le ruote posteriori sterzanti – incrementano agilità o stabilità in funzione della velocità di marcia – e le sospensioni adattive pneumatiche a tre camere, a richiesta: queste ultime permettono una regolazione dell’assetto con 3 livelli di assorbimento progressivamente più rigidi. In opzione ci sono i freni carboceramici ad altissime prestazioni. Curato il comparto dei dispositivi elettronici dedicati alla sicurezza di marcia: include l’assistenza alla guida notturna (funziona grazie a una telecamera a infrarossi installata nella porzione frontale del veicolo), i sistemi di mantenimento della propria corsia di marcia e di ausilio al superamento della stessa, il riconoscimento della segnaletica stradale e il cruise control adattivo collegato al GPS.

Due le motorizzazioni al lancio, entrambe con architettura V6: il 3 litri turbo da 340 CV e 450 Nm di coppia motrice della Cayenne – fa lo 0-100 km/h in 6,2 e permette all’auto di toccare i 245 orari – e il più prestante 2.9 biturbo da 440 CV e 550 Nm della Cayenne S, che consente al Suv tedesco di scattare da 0 a 100 orari in 5,2 secondi (che diventano 4,9 col pacchetto “Sport Chrono”) e raggiungere i 265 km/h. Per entrambe le versioni c’è la trazione integrale abbinata al cambio automatico a 8 rapporti. Viste le pesanti conseguenze dello scandalo emissioni, al momento è incerto l’arrivo di motorizzazioni a gasolio, mentre nei prossimi mesi debutteranno il V8 e l’ibrido. La nuova Cayenne, pronta alla passerella del Salone di Francoforte del prossimo mese, è ordinabile con prezzi a partire da circa 78 mila euro.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Bmw M5, quando la berlina di famiglia diventa una belva da pista – FOTO

prev
Articolo Successivo

Supercar, che passione! Ecco l’anima “corsaiola” del salone di Francoforte – FOTO

next