Da oggi c’è un nuovo taxi ad alte, anzi, altissime prestazioni per le strade di Inghilterra: una Lamborghini Huracan LP 610-4. Probabilmente il buon Ferruccio, fondatore dell’azienda che porta il suo nome, si rivolterebbe nella tomba, lui che decise di far nascere la casa del Toro per uno screzio con Enzo Ferrari. Ma tant’è.

Se passate per Lincoln, capoluogo della contea inglese del Lincolnshire, la società Handsome Cabs sarà lieta di mettervi a disposizione la sua Huracan immatricolata per il trasporto pubblico: un oggettino che costa 210 mila euro, ha 610 Cv di potenza massima, scatta da 0 a 100 all’ora in 3,2 secondi e tocca i 325 orari di velocità massima. Numeri che faranno certamente la felicità del fortunato tassista alla guida.

I clienti possono prenotare l’auto per raggiungere il centro della città, le stazioni ferroviarie o per eventi di vario genere. “Abbiamo avuto l’idea di arruolarla nella nostra flotta circa un anno fa, ed eravamo determinati nel realizzarla; sicuramente ci aiuterà a farci conoscere”, hanno dichiarato al Sun John Bishop e Jamal Parvez, titolari della compagnia di taxi più figa del mondo.

“Immaginiamo che la Lambo possa essere richiesta da studenti che vanno al ballo di fine anno o da uomini d’affari”. Anche se i clienti non potranno condividere l’esperienza di bordo con amici o parenti, visto che la vettura ha un solo posto dedicato al passeggero. Nonostante questo il ritorno di immagine dato dalla Huracan alla Handsome Cabs è più che garantito.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Guida autonoma, la Cina si fa sempre più sotto. Baidu vara il programma Apollo

prev
Articolo Successivo

Codice della strada, quando la multa è surreale. Ecco le 10 norme più bizzarre

next