1)Tratto distintivo del suo carattere.
Determinato.

2) Principale pregio e principale difetto.
sensibile e ansioso.

3) Un oggetto a cui è particolarmente affezionato e perché.
L’edizione originale di Miles Ahead.

4) Cosa avrebbe fatto se non fosse diventato musicista.
Il vitellone.

5) Da cosa attinge ispirazione?
La musica si ispira alla musica.

6) La sua passione quando non lavora.
Lettura.

7) Un luogo o una città del mondo che ama e perché.
Buenos Aires. Perché me la sento cucita addosso, è piena di vita, di voglia di fare, di gente fantastica.

8) Una persona che le ha cambiato la vita.
Gato Barbieri.

9) Cosa la colpisce in una donna e cosa in un uomo.
in una donna la dolcezza, in un uomo la simpatia.

10) Il suo più grande rammarico.
Aver perso l’occasione di entrare nel gruppo di Ornette Coleman quando me l’ha chiesto.

11) Un talento che vorrebbe avere.
Saper dipingere.

12) Le colpe altrui che non perdona.
La stupidità e la cattiveria.

13) Colore preferito.
Rosso.

14) Il motto oppure una frase celebre che la rispecchia
Non è mai troppo tardi.

e.reguitti@ilfattoquotidiano.it

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Premio Strega 2017, vince Paolo Cognetti con “Le otto montagne”. Ma la scaletta della serata è un imbalsamato circolo degli scacchi

next
Articolo Successivo

Bat, viaggiare sui libri si può

next