L’anno zero per la mobilità elettrica di massa potrebbe iniziare venerdì 7 luglio: è in questa data che Tesla produrrà la sua prima Model 3 di serie, la berlina a emissioni zero che promette di rivoluzionare il mercato e spedire nel pleistocene concorrenti come BMW Serie 3 e Mercedes Classe C, “ancora” spinte da motori endotermici. L’avvento in questione è stato anticipato su Twitter dallo stesso Elon Musk, il vulcanico imprenditore sudafricano al vertice di Tesla.

Dopo aver superato le verifiche per l’omologazione, la Model 3 è pronta ad avanzare sulle linee di montaggio dello stabilimento di Fremont (California); ma Musk sta valutando ulteriori impianti di assemblaggio. Per il 28 luglio è inoltre programmato un festino per la consegna dell’auto ai primi 30 clienti. Uno dei cinguettii di Musk sintetizza la tabella di marcia industriale del prossimo trimestre: “La produzione crescerà esponenzialmente, con 100 auto fabbricate ad agosto e sopra le 1.500 già a settembre”.

Entro dicembre le linee produttive dovrebbero già sfornare qualcosa come 20 mila unità al mese: la Model 3 potrebbe consentire all’azienda di Palo Alto di spingere la produzione a 500 mila auto l’anno nel 2018. Finora la casa automobilistica aveva sfornato solo due modelli, la Model S e la Model X, entrambi con prezzi molti più alti.

Proprio per questo Tesla ha costruito una gigantesca fabbrica da 5 miliardi di dollari in Nevada, la “Gigafactory”, ideata per realizzare le batterie necessarie ad alimentare le EV. In attesa di conoscere l’aspetto e le caratteristiche tecniche della Model 3, sono due i dati da tenere a mente: il prezzo di partenza, circa 35 mila dollari, e l’autonomia, stimata in 345 km; cifre entrambe riferite al modello base.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Cina, in rampa di lancio le mega fabbriche di batterie. E Elon Musk trema

next
Articolo Successivo

Volvo, rivoluzione a batteria. “Entro due anni solo auto ibride ed elettriche”

next