Il Bundestag tedesco ha approvato a maggioranza il matrimonio per tutti a maggioranza. Si tratta di un voto storico, in Germania, che rende possibile la piena parificazione delle unioni gay con i matrimoni eterosessuali. Hanno votato sì 393 deputati, hanno votato no in 226 e 4 si sono astenuti. La legge è stata proposta dai socialdemocratici dell’Spd, e ha ricevuto il via libera anche di Angela Merkel che, incalzata dagli alleati socialdemocratici e dall’opposizione ha lasciato ai deputati della Cdu libertà di coscienza. Ma la cancelliera ha votato no: “Per me il matrimonio è fondamentalmente un’unione fra uomo e donna, e per questo ho votato contro – ha spiegato dopo la votazione – è stato un dibattito lungo intenso ed emotivo, e spero ci sia rispetto per entrambe le parti”. “Spero che il voto di oggi non solo promuova il rispetto delle differenze, ma porti anche più coesione sociale e pace”, ha aggiunto. 

La cancelliera ha ricordato che negli ultimi anni in Germania erano già state eliminate “passo a passo” tutte le discriminazioni contro le coppie gay e mancava il diritto di adottare bambini. Dopo aver riflettuto molto sul “benessere dei bambini“, ha detto Merkel, ha concluso che “l’adozione dovrebbe essere possibile anche” per le coppie omosessuali. Tuttavia, a suo parere, l’articolo 6 della Costituzione tedesca, affermando che “il matrimonio e la famiglia sono sotto la speciale protezione dello Stato”, si riferisce al matrimonio tra un uomo e una donna.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Parigi, auto contro la folla fuori da una moschea: nessun ferito. Arrestato il conducente

prev
Articolo Successivo

Venezuela, brutale repressione studentesca. Ragazzi malmenati e chiusi in un camion con gas lacrimogeni

next