PAUL HORNER E RICHARD PFEIFFER

Sono due ragazzotti trentenni statunitensi che in occasioni differenti e in due luoghi differenti di New York si sono fatti arrestare per atti di vandalismo, proprio mentre disegnavano figurine “alla Banksy” e in parole povere di fronte agli agenti si sono dichiarati entrambi Banksy. Insomma, i classici mitomani. Con un aggravante per Horner: lui è un autentico bleffatore d’identità alla Prova a prendermi con Di Caprio.

INDIETRO

Chi è Banksy, da Robert Del Naja a Thierry Guetta: una, nessuna e centomila identità

AVANTI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

App progettate per non vedenti: promossa la Apple, bocciata Telegram

next
Articolo Successivo

Fedez risponde al ministro Franceschini: “Non avrai il monopolio delle mie opinioni, le querele non mi spaventano”

next