PAUL HORNER E RICHARD PFEIFFER

Sono due ragazzotti trentenni statunitensi che in occasioni differenti e in due luoghi differenti di New York si sono fatti arrestare per atti di vandalismo, proprio mentre disegnavano figurine “alla Banksy” e in parole povere di fronte agli agenti si sono dichiarati entrambi Banksy. Insomma, i classici mitomani. Con un aggravante per Horner: lui è un autentico bleffatore d’identità alla Prova a prendermi con Di Caprio.

Chi è Banksy, da Robert Del Naja a Thierry Guetta: una, nessuna e centomila identità

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

App progettate per non vedenti: promossa la Apple, bocciata Telegram

prev
Articolo Successivo

Fedez risponde al ministro Franceschini: “Non avrai il monopolio delle mie opinioni, le querele non mi spaventano”

next