Non si trattò di una rapina ma di un esercizio arbitrario delle proprie ragioni. Così i giudici della prima sezione penale che hanno prosciolto (riformulando l’accusa) per intervenuta prescrizione il cantante Gigi D’Alessio per una vicenda del gennaio 2007 culminata in una lite scoppiata fuori l’abitazione dell’artista tra lo stesso cantante, il suo assistente Antonio De Maria e due fotografi che cercarono di immortalare la sua residenza all’Olgiata. Anche per De Maria il tribunale ha riqualificato l’accusa dichiarando il proscioglimento.

Nei confronti di D’Alessio la Procura di Roma aveva chiesto una condanna a tre anni per rapina in quanto durante la colluttazione il cantante napoletano e il suo assistente si erano impadroniti delle macchine fotografiche dei paparazzi. Commentando la decisione dei giudici gli avvocati Francesco Compagna e Gennaro Malinconico, difensori dell’artista, si dicono “soddisfatti perché questa pronuncia dovrebbe porre fine ad una vicenda processuale trascinatasi per oltre dieci anni”.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Roma, l’interrogatorio di Virginia Raggi: “Di queste polizze non so niente”

next
Articolo Successivo

Codice antimafia, “no al sequestro dei beni dei corrotti”: Forza Italia vuole annacquare la legge. Il Pd: “E’ strategica”

next