Carrie Fisher è morta a causa di un’apnea nel sonno combinata con altri fattori. E’ il referto del coroner riportato oggi da Los Angeles Times. “La principessa Leila di Star Wars” era stata ricoverata dopo un infarto nel corso di un volo aereo. La morte pochi giorni dopo. Tra i fattori che hanno contribuito al decesso dell’attrice vi sono anche l’aterosclerosi e l’uso di droghe. “Mia madre ha combattuto tutta la vita contro la tossicodipendenza, e le malattie mentali, e alla fine è morta per essa”, ha detto alla rivista People la figlia Billie Lourd. Carrie aveva 60 anni.  Sua madre, l’attrice Debbie Reynolds, è morta il giorno dopo a causa di un ictus.

 

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

John Lennon, Yoko Ono diventa co-autrice di “Imagine”. Polemiche dei fan

next
Articolo Successivo

Selfie, Stefano De Martino e la battuta sulla mamma di Belen Rodriguez: “Al matrimonio piangeva, perché sposava me…”

next