Lo chiamavano tedesco 
(e invece non c’entra proprio niente)
Per dare forse un’aura di autorevolezza a un sistema contorto e complicato, è passato il messaggio che la riforma elettorale su cui si sono accordati finora Pd, M5s e Forza Italia è “come il sistema tedesco“. Ma così come non lo era il cosiddetto Rosatellum, neanche l’ultima formulazione ricorda davvero il sistema tedesco.

Prima differenza: in Germania si danno due voti, uno al candidato dell’uninominale, l’altro al partito.

Seconda differenza: l’attribuzione dei seggi. Il sistema in discussione alla Camera, infatti, mescola e unisce la parte uninominale e la parte proporzionale dei listini. In un gergo tecnico un po’ horror questi sistemi si chiamano grabensystem (sistema a fossato), con una netta separazione tra parte maggioritaria e parte proporzionale. In Germania, al contrario, le due parti si integrano tra loro: questo avviene perché lì si vota con due schede diverse. Esiste infatti un meccanismo di compensazione per il quale chi vince di più nei collegi prende meno seggi dal proporzionale. Quindi il numero di seggi a cui ha diritto un partito lo decide la cifra proporzionale nazionale. Ma chi occupa quei seggi lo decidono in prima battuta i collegi uninominali (quindi gli scontri tra un candidato per ciascun partito) e si pesca dai listini bloccati solo se c’è da integrare. Esempio: il Pd ha diritto a 300 seggi, negli uninominali ne vince 280, gli altri 20 deputati che mancano vengono scelti dai listini. Nel caso della legge in discussione invece il Pd per arrivare a 300 prenderà un po’ dall’uninominale e un po’ dal listino bloccato.

Terza differenza: nel sistema in discussione a Montecitorio è eliminato il ripescaggio dei partiti che vincano in almeno tre collegi uninominali.

INDIETRO

Legge elettorale, com’è fatto il sistema venduto per tedesco che tedesco non è: nessun vincitore e squadroni di nominati

AVANTI

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

2 Giugno, Mattarella: “Valori del 1946 continuano a guidarci”. In prima fila i sindaci dei comuni colpiti dal terremoto – FOTO

next
Articolo Successivo

Legge elettorale, Grillo blinda l’intesa con Pd e Fi: “M5s voterà il sistema. Portavoce rispettino la decisione degli iscritti”

next