La soglia di sbarramento
(l’unico correttivo di – chiamiamola – governabilità)
Saranno rappresentati in Parlamento solo i partiti che supereranno il 5 per cento. Secondo un calcolo della Stampa, si tratta di circa un milione e 700mila voti. I voti dei partiti che non riusciranno a superare la soglia di sbarramento saranno ripartiti in proporzione a tutte le altre forze politiche che invece ce l’hanno fatta. Quindi la parte più corposa andrà al partito vincente e poi a scalare agli altri.

In questo senso lo sbarramento al 5 è l’unico correttivo di governabilità, per così dire. Ne è convinto per esempio il M5s che sostiene di puntare al 40 per cento perché così riuscirà a governare. Il 40 per cento, recuperando dai voti “persi” dei partitini esclusi dal Parlamento, diventerebbe una quota di seggi più larga. Prendiamo ad esempio ciò che succede in Germania, per esempio: la Cdu alle elezioni ha preso il 41 per cento, ma poi al Bundestag ha conquistato il 49 per cento dei deputati.

In generale, dalla parte dell’elettore questo meccanismo spinge a scegliere il voto “più utile possibile” e dalla parte del sistema politico spinge all’aggregazione e alla semplificazione delle aree politiche.

INDIETRO

Legge elettorale, com’è fatto il sistema venduto per tedesco che tedesco non è: nessun vincitore e squadroni di nominati

AVANTI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili