Filippo Magnini al centro di un’inchiesta per doping. Non è indagato, ma è stato intercettato per settimane, pedinato, perché era il presunto destinatario di prodotti vietati. Una linea di indagine condotta dalla Procura di Pesaro e dai pm Monica Garulli e Valeria Cigliola, che ora hanno chiesto il rinvio a giudizio del medico nutrizionista del campione di nuoto, Guido Porcellini, già condannato nel 2015 a 3 anni e otto mesi di reclusione per traffico di cocaina e da anni nello staff di Magnini, e Antonio Maria De Grandis, dirigente di rugby e secondo i magistrati procacciatore di sostanza dopanti. Magnini, invece, non è mai entrato nelle carte dell’inchiesta come indagato, anche se nelle carte citate dal Quotidiano Nazionale – che oggi riporta la notizia in esclusiva – a lui erano destinate sostanze proibite tra l’inverno e la primavera del 2016, poco prima delle Olimpiadi in Brasile. Tuttavia tutte le accuse sono cadute perché gli esami dei tossicologi sul campione sono risultati negativi e in mano ai pm – come ha sottolineato il giudice – c’erano solo intercettazioni “di non agevole e univoca interpretazione”. Porcellini e De Grandis sono quindi in attesa di capire se finiranno a processo, ora che gli sono contestati i reati di commercio di prodotti dopanti, falso, ricettazione e somministrazione di medicinali guasti. Magnini, dice il Qn, in qualità di destinatario di sostanze, non ha commesso reati. Al massimo sarà chiamato a testimoniare.

La Procura di Pesaro si è imbattuta nel nuotatore due volte campione del mondo indagando su un traffico di sostanze dopanti trovate nel marzo 2015 in un centro fisioterapico. A quel punto è iniziato il lavoro di ricostruzione dei magistrati Garulli e Cigliola, effettuato anche con intercettazioni telefoniche e ambientali, che ha portato dal titolare di quel centro a Porcellini. A maggio 2016, durante l’inchiesta, la Procura ha anche chiesto una misura interdittiva per Porcellini e De Grandis, ma il gip gliel’ha respinta. “Le ricostruzioni della pubblica accusa – si legge nelle motivazioni del tribunale riportate dal Qn – sono significativamente messe in dubbio dai risultati degli esami affidati ai tossicologi e dal fatto che negli altri casi non hanno a disposizione i prodotti ma solo un enorme materiale intercettivo di non agevole e univoca interpretazione”.

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Tiger Woods, ecco le immagini dell’arresto. Il campione barcolla mentre gli agenti lo ammanettano

next
Articolo Successivo

Champions, Cardiff blindata: misure di sicurezza straordinarie in attesa della finalissima

next