Il discorso Totti resta comunque nodale e torna in maniera ciclica nel corso di tutta la lunga chiacchierata di Spalletti con i giornalisti. E che nessuno provi ad accusarlo di essere stato in qualche modo partecipe dell’addio al calcio del capitano giallorosso. “Non stato io quello che lo ha fatto smettere. Lui ha smesso da solo anche per l’età che ha – precisa Spalletti – l’avrò fatto smettere o lo avrò fatto giocare un anno in più? Facciamo un sondaggio… secondo me l’ho fatto giocare un anno in più. Gli ho voluto strabene”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Roma, Spalletti lascia e accusa: “Non abbiamo remato tutti dalla stessa parte”

next
Articolo Successivo

Volano pugni sul campo da baseball. Il tiro fallisce e la partita finisce in una maxi rissa

next