“Stiamo parlando di intercettazioni che la legge non permette di pubblicare. E dato che sono per la legalità vorrei capire perché qualcuno sta violando la legge, e quel qualcuno non siamo noi”. Lo ha detto il segretario del Pd, Matteo Renzi nel corso della diretta Facebook di “matteorisponde” commentando le intercettazioni della telefonata tra lui e il padre Tiziano, pubblicate sul Fatto Quotidiano. “In quella telefonata sono molto duro con mio padre, e rileggendola mi dispiace. Ma da uomo delle istituzioni non potevo fare diversamente, avevo il dovere di dire a lui di dire la verità”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Consip, Renzi: “Un partito fondato da un pregiudicato viene a farci la lezione sulla moralità”

next
Articolo Successivo

Consip, Renzi: “Osservo e attendo la sentenza. Fiducia nella giustizia, chi ha sbagliato pagherà”

next