Quel gran furbone di Fabio Rovazzi prova a far saltare di nuovo il banco, dopo il successo incredibile di “Andiamo a comandare” e “Tutto molto interessante”, e stavolta ci prova assoldando addirittura il più amato dagli italiani Gianni Morandi.

Il 19 maggio, infatti, esce in radio, nei digital store e sulle piattaforme streaming, “Volare”, nuovo singolo del non-cantante milanese. Due mondi diversissimi che si incontrano e si studiano a vicenda, accomunati dalla presenza massiccia e proficua sui social network. Nel video, il cui primo minuto è stato anticipato domenica sera a “Che tempo che fa”, ancora piccole partecipazioni di amici più o meno noti, a cominciare da Maccio Capotonda che, sul letto di morte, suggerisce a Rovazzi di collaborare con l’unico “non-odiabile”, “perché la gente di odia per il tuo successo”.

E l’unico non odiabile è appunto Gianni Morandi, il cui modo di stare sui social ha rappresentato un vero e proprio caso di studio negli ultimi anni, con un atteggiamento controcorrente rispetto all’aggressività tipica del nuovo modo di comunicare e di restare connessi con gli altri. È il primo featuring per Rovazzi, che nonostante il successo inatteso e enorme dei due singoli precedenti continua a non volersi definire un cantante, a riprova del fatto che il ragazzo è consapevole dei propri limiti ma al contempo riesce a far fruttare al massimo la sua efficacia virale.

Il testo è scritto da Rovazzi con la partecipazione del rapper Danti e prodotto da Lush & Simon, tra gli esponenti più promettenti della scena EDM. Dopo le 133milioni di visualizzazioni su YouTube di “Andiamo a comandare” e le oltre 100milioni di “Tutto molto interessante”, le aspettative per “Volare” sono altissime e la presenza di Gianni Morandi è garanzia di attenzione mediatica e di un potenziale virale senza precedenti.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Valeria Marini compie 50 anni. Dal Bagaglino al Grande Fratello fino al suo più grande desiderio: “Vorrei diventare mamma”

prev
Articolo Successivo

Vittorio Sgarbi nudo, seduto sul wc, parla al telefono con Buffon: così Le Iene festeggiano il suo 65esimo compleanno

next