Vincere, “anzi stravincere”, per evitare la palude. E’ l’imperativo che i fedelissimi di Matteo Renzi si ripetono in questi giorni, in attesa che il congresso del Pd entri nella fase più calda. Il 30 aprile – il giorno delle primarie – in realtà è ancora lontano. Il successo del segretario uscente viene dato per scontato. Non solo dai sondaggi, che accreditano al Rottamatore percentuali rassicuranti, ma anche da alcuni dei sostenitori delle mozioni avversarie, quelle di Michele Emiliano e di Andrea Orlando. I quali davanti ai microfoni dicono di voler correre per vincere, ma, dietro la garanzia dell’anonimato, parlano di una sfida “coraggiosa ma proibitiva”, ammettono che è “quantomeno molto difficile”.

Congresso Pd, il proporzionale che può fregare Renzi tra voti segreti e possibili traditori. “Obbligato a stravincere”

AVANTI

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Cortei Roma, Alemanno dà i numeri: “Siamo oltre otto mila, alla faccia del Fatto”. Il flop dei sovranisti

next
Articolo Successivo

Torino, Appendino (M5s): “Governo ci dia i 61 milioni di euro che ci spettano. Sono soldi dovuti”

next