Una giornata nel segno della protesta contro la presenza del leader della Lega Nord in città. Napoli sabato si è svegliata con la voglia di dire la sua e di far sapere a Matteo Salvini che non era persona gradita. La città si è preparata con tutto il colore di cui è capace: in campo addirittura una ruspa per consegnare un simbolico foglio di via. Contro la presenza in città del leader del Carroccio si sono schierate anche le istituzioni, tanto che non è mancato il balletto delle autorizzazioni: concesse, poi negate e di nuovo concesse. Alla fine Salvini è arrivato e ha tenuto il suo comizio all’interno del palacongressi. Tutto come da copione: dentro le frasi fatte, il populismo di marca slviniana. Fuori il corteo. Poi gli scontri con la polizia e la devastazione della città. Alla fine rimane l’amarezza dai napoletani.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

SALVIMAIO

di Andrea Scanzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Napoli, corteo contro Salvini: manifestanti lanciano sassi e molotov. Scontri con la polizia

next
Articolo Successivo

Scontri a Napoli, il giorno dopo. I rischi c’erano, perché autorizzare il corteo anti-Salvini?

next