“Una gioia ma ancora devo realizzare”. Così il giorno dopo la finale Francesco Gabbani commenta la vittoria al Festival di Sanremo, dove ha trionfato con la sua “Occidentali’s karma”. E svela l’identità della “scimmia“, che nella settimana del festival l’ha accompagnato sul palco dell’Ariston. “Un grande professionista, un coreografo e ballerino e anche un amico. Si chiama Filippo Ranaldi. Lo voglio ringraziare: di sicuro ha contribuito a fare arrivare la mia canzone”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Sanremo 2017, chi è lo scimmione che balla accanto a Gabbani?

next
Articolo Successivo

Sanremo 2017, i (modesti) messaggi che ha trasmesso questo festival

next