“Una gioia ma ancora devo realizzare”. Così il giorno dopo la finale Francesco Gabbani commenta la vittoria al Festival di Sanremo, dove ha trionfato con la sua “Occidentali’s karma”. E svela l’identità della “scimmia“, che nella settimana del festival l’ha accompagnato sul palco dell’Ariston. “Un grande professionista, un coreografo e ballerino e anche un amico. Si chiama Filippo Ranaldi. Lo voglio ringraziare: di sicuro ha contribuito a fare arrivare la mia canzone”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Sanremo 2017, chi è lo scimmione che balla accanto a Gabbani?

prev
Articolo Successivo

Sanremo 2017, i (modesti) messaggi che ha trasmesso questo festival

next