Un anziano è morto dopo essere stato investito da un autobus a Roma su via Nomentana all’altezza del civico 303. Sul posto la polizia locale. Dalle prime informazioni, sembrerebbe che l’autobus lo abbia investito con le ruote posteriori e abbia proseguito la corsa probabilmente non accorgendosene. Sono in corso ricerche per rintracciare il mezzo.

Gli agenti stanno verificando tutti gli autobus che a quell’ora sono transitati lungo quella strada. Al vaglio anche le riprese di alcune telecamere della zona. La vittima, un 79enne, è deceduto sul colpo. Non è il primo caso avvenuto nella capitale: nel febbraio del 2015 un ragazzo di 20 anni, Alessandro Di Santo, fu investito e ucciso da un autobus di notte in piazza Venezia, nel centro di Roma.

Secondo le ricostruzioni dell’epoca, l’autista trentenne del bus della linea N4, gestita dalla società Roma Tpl, sarebbe stato avvicinato da un gruppo di giovani che accostandosi al mezzo, sul fianco sinistro, chiesero all’autista, attraverso il finestrino lato guida, di salire a bordo. Non essendo in area di fermata, il conducente respinse la richiesta e ripartì non accorgendosi di investire il giovane. L’autista proseguì la sua corsa fino a quando non fu fermato dalle forze dell’ordine in via Nomentana. Nel successivo esame in rimessa, segni dell’impatto furono trovati vicino alla ruota posteriore sinistra. L’autista fu denunciato per omicidio colposo ed risultò negativo ai test sull’assunzione di sostanze stupefacenti e alcoliche.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Nicholas Green, addio ad Andrea Mongiardo che ricevette il cuore del bambino

prev
Articolo Successivo

Terremoto Centro Italia, soccorritori e sfollati nei locali della Curia. Che ora chiede il conto al Comune

next