A volte ritornano. Il politico reuccio dei social, ex premier, già enfant prodige della sinistra italiana, già vincitore al secondo tentativo delle primarie, il mai candidato della Seconda Repubblica, è tornato nella cornice di un blog. Twitter non basta più ora che c’è da ricostruire sulle macerie il Pd, macerie che lui stesso ha contribuito a provocare. Deve spiegare, parlare, raccontare direttamente la sua versione ora che giornali e tivù non pendono più dalle sue labbra.

Matteo Renzi riparte da un blog; “Il futuro, prima o poi, torna” è il suo primo post. Qui spiega di volersi rimettersi in cammino in un nuovo spazio “non pensato per i reduci” ma per “camminare verso il futuro” aprendo a discussioni su Ue ma anche sul centrosinistra. “La sconfitta al referendum ci ha fatto male. Con le riforme, volevamo un paese più semplice e più forte: è andata male. Volevo tagliare centinaia di poltrone e alla fine l’unica che è saltata è stata la mia. Ma anche quella sconfitta appartiene al passato”. C’è anche uno spazio per idee, suggerimenti: “Scrivetemi”.

Siamo ancora a questo punto, come tutto era iniziato. Come se per ricostruire la sinistra bastassero idee nuove, trovate comunicative di zecca, fuochi d’artificio, effetti speciali. E invece Rieccolo come Fanfani, anzi Rieccolo 2.0: una nuova segreteria, il passato scompare, gli errori vengono dimenticati o peggio sepolti.

Renzi hai il diritto di ripartire ma non lo si può fare da soli. I tuoi predecessori e i fondatori del Pd avevano pensato a un partito ‘rete’ e l’account Twitter lo specifica visto che si chiama @pdnetwork. Ora a cosa serve un blog? Promozione personale? Un segretario di partito deve essere al centro di una rete, non un uomo solo al comando. E Renzi era quello che diceva: “Beppe esci dal blog!”. Ora ci entra lui.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Corsi del Fatto: il mestiere di giornalista, anche nelle grandi tragedie

next
Articolo Successivo

M5S, per il Corriere Grillo accusa Raggi: “Mi hai ingannato”. Il leader: “Notizie inventate, fake news di sistema”

next