Melania d’azzurro vestita tiene fede a quanto detto in campagna elettorale: essere “la First Lady più glamour dai tempi di Jackie Kennedy” era ed è l’obiettivo dichiarato della First Lady. A guardare l’abito selezionato per la cerimonia di insediamento, di chiara ispirazione Jackie, sembra proprio che la signora Trump abbia scelto il suo modello: non sarà semplice rappresentare un punto di riferimento senza tempo come la Kennedy seppe fare a livello di stile, ma Melania ci prova. L’abito è di Ralph Lauren (alla fine la scelta è caduta su un designer statunitense che ha vestito anche Hillary Clinton in campagna elettorale): collo alto e accessori coordinati, un look bon ton mai sfoggiato prima dalla First Lady, con una resa sicuramente molto lontana da quella dell’abito dorato sfoggiato dalla Trump per la serata di gala precedente al giorno del giuramento. Accanto alla futura First Lady, Michelle Obama, abito rosso e capelli raccolti: lo stile delle due donne è stato, almeno fino a oggi, opposto, sia a livello di guardaroba che di comunicazione.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Giorgio Armani sta con Melania Trump: “Di mestiere cerco di vestire le belle donne e lei lo è”

prev
Articolo Successivo

Moda, è finita un’epoca: ai millennials non interessano le griffe

next